Come Disdire un Abbonamento Sky

L’abbonamento a Sky ha solitamente una durata di dodici mesi e prevede il rinnovo automatico.

Se si vuole interrompere l’abbonamento si hanno quindi due soluzioni.
La prima consiste nell’aspettare la scadenza e chiedere l’annullamento del rinnovo automatico.
La seconda prevede invece la disdetta anticipata.

Le due soluzioni hanno conseguenze diverse.
Per primo caso non ci sono costi, nel secondo caso bisogna invece pagare i costi di disattivazioni e restituire le eventuali promozioni di cui si è usufruito al momento dell’abbonamento.

Andando più nel dettaglio, i costi di disattivazione sono 11,53 euro.
Inoltre, se non si restituiscono i dispositivi ricevuti in comodato d’uso, viene addebitato un ulteriore costo.

La procedura è comunque piuttosto semplice.
Come prima cosa, bisogna scaricare questo modulo di disdetta Sky e compilarlo con i dati personali e quelli relativi all’abbonamento.
Una volta fatto questo, bisogna inviare il documento firmato tramite raccomandata al seguente indirizzo.
SKY CASELLA POSTALE 13057 – 20141 MILANO

La richiesta di disdetta deve essere inviata con un preavviso di trenta giorni.
Questo significa che il contratto viene interrotto un mese dopo l’invio della richiesta, periodo in cui bisogna continuare a pagare l’abbonamento.
Questo periodo di tempo deve essere considerato anche nel caso in cui si voglia richiedere la disdetta alla scadenza annuale del contratto.

Bisogna poi considerare un caso particolare.
Se si è stipulato un contratto a distanza da meno di quattordici giorni, è possibile effettuare la disdetta senza costi.

Questa è infatti una possibilità data dalla legge per tutti i contratti a distanza, e quindi anche per questo.

Come Convertire EPS in JPG

EPS o Encapsulated PostScript, è un file sconosciuto alla maggior parte degli utenti. Questo tipo di documento è utilizzato soprattutto dai grafici. Per aprire questo file si può utilizzare facilmente il famoso programma della Adobe: Illustrator. Tuttavia non tutti posseggono questo software e potrebbero volere convertire il file EPS in un formato conosciuto come il JPG. Sei interessato a farlo? Allora potrai utilizzare un facile servizio online.

Per prima cosa devi possedere il file EPS sul tuo computer, successivamente potrai dirigerti sull’utile sito EpsConverter.

Risulta essere da questo indirizzo che potrai effettuare la veloce conversione gratuita. Come? Nella pagina internet appena aperta dovrai cliccare sul bottone “Scegli file”.

In seguito potrai selezionare il file .eps dal tuo hard disk e cliccare sul bottone “Apri”, dalla piccola finestra aperta per scegliere il documento da convertire.

Dopo questa operazione potrai procedere con la conversione. Clicca sul pulsante “Send file” e attendi la fine del processo.

Al termine del caricamento potrai visualizzare l’immagine in formato JPG sotto la scritta arancione “Your converted image”. Qui si troverà la figura, per salvarla basterà cliccare con il tasto destro del mouse sull’immagine e selezionare la voce “Salva immagine con nome”. Scegli il nome.

Come Eliminare Programmi Preinstallati

Hai comprato un PC nuovo? Rendilo tuo e migliora subito le sue prestazioni! Molti utenti non sono a conoscenza che appena si acquista un PC la prima cosa da fare è iniziare subito a fare pulizia. Infatti, quando si avvia un nuovo PC, al suo interno si possono trovare già precaricati vari software inutili come: le toolbar di google, yahoo! e ask.com; wizard per la connessione ad internet con uno specifico provider, demo di programmi antivirus; demo di software per la grafica digitale o per l’ufficio e molto altro…

Per eliminare tutte queste utility indesiderate possiamo utilizzare un software gratuito chiamato SlimComputer.

Esso è in grado di scansionare il sistema alla ricerca di piccoli software e toolbar preinstallate sul vostro PC. Dopo aver individuato i programmi, questi vengono classificati come: sicuri, conosciuti, potenzialmente rischiosi e da rimuovere.

Ovviamente questa è la funzione principale di SlimComputer, ma non è l’unica! infatti, è in grado di valutare la CPU e RAM utilizzata, ci fornisce dettagli sull’hardware ed è molto utile per l’ottimizzazione del sistema operativo consigliandoci quali servizi disinstallare. Tutte le modifiche apportate verranno memorizzare ed è possibile ripristinare il tutto cliccando sul pulsante restore.

Creare Grafico Tridimensionale in Excel

Quando si fanno le ricerche, specialmente quelle scientifiche, potrebbe essere utile rappresentare i dati attraverso degli appositi grafici. Spesso vengono usati i classici grafici a “torta”, oppure quelli a “barre”, ma i più importanti, significativi e professionali sono i grafici 3D. Per farli è molto semplice, basta usare il programma Excel e utilizzare tutti gli accorgimenti che elencheremo di seguito. Riuscirai a stupire così tutti i tuoi colleghi o professori, attraverso una rappresentazione precisa e professionale.

Per creare un istogramma è necessario che tu inserisca nel documento Excel tutti i dati riguardanti grafico.
Una volta fatto, seleziona le celle che ti interessano.
Ora vai sul menu Inserisci e scegli l’opzione Grafico.

Ti aprirà una finestrella dove potrai scegliere tra tutti i grafici indicati. Non solo, avrai anche una piccola anteprima di come risulteranno una volta terminati.
Scegli quindi la voce “Istogramma 3D – Confronta i valori di più categorie e serie”.
A questo punto devi scegliere se visualizzare il grafico in base alle “Righe” o se in base alle “Colonne”. Una volta scelta la “Serie” clicca su “Avanti” per passare al pqwwo successivo.

A questo punto inserisci il “Titolo del grafico” e i nomi che vuoi assegnare alle due assi. Clicca su “Avanti”.

Ora scegli come posizionare il grafico: se creare un nuovo foglio con il tuo grafico o se inserirlo come oggetto.
Una volta che hai scelto l’opzione, clicca su “Fine”. Hai così ottenuto il tuo grafico.
A questo punto non ti rimane che presentarlo, buona esposizione.

Come Rigenerare la Batteria di un Portatile

Dopo un certo periodo di tempo e numerosi cicli di carica e scarica la batteria del notebook perde molto in termini di durata. Questo avviene soprattutto se la batteria è stata utilizzata in modo scorretto, ad esempio tenendola colllegata al pc anche quando viene utilizzato con l’alimentatore. Prima di gettarla via però leggi questa guida.

Nella maggioranza dei casi utilizzando la batteria in modo scorretto questa si scarica, e durante la carica la corrente non raggiunge tutte le celle con una conseguente diminuzione di durata. Prima di procedere scarica totalmente la batteria (fino a quando il computer non si spegne da solo e non si riaccende più).

Prendi la batteria e mettila nel freezer per 15 minuti, non di più. Utilizza un sacchetto di plastica per evitare che si bagni. Dopo 15 minuti estraila dal freezer e lasciala “scongelare”, deve ritornare a temperatura ambiente. Quindi asciugala completamente e rimontala sul tuo pc. Falla caricare completamente a pc spento.

Non appena è carica stacca il pc dall’alimentazione e utilizzalo a batteria lasciandola scaricare completamente. Quindi caricala a pc spento e riscaricala completamente. Ripeti questi cicli di carica e scarica circa 4 volte. Noterai che il tempo necessario per ricaricarsi aumenterà sempre di più e con esso anche la durata della batteria. Alcuni pc presentano nel bios una funzione di ricalibrazione della batteria, puoi provare anche con questa tecnica.